I Numeri chiave per valutare un ecommerce

I Numeri chiave per valutare un ecommerce

I Numeri chiave per valutare un ecommerce

Una delle domande più frequenti per chi opera nell’ecommerce è: quali sono i NUMERI CHIAVE  per valutare un ecommerce?

VARIABILI DI BUSINESS

Un’ecommerce è un’azienda come qualsiasi altra e per questo i più importanti indicatori sono quelli che emergono dal Conto Economico di Bilancio. Il primo è più importante indice è l’EBIDTA o MARGINE OPERATIVO LORDO che rappresenta il reddito di un’azienda basato solo sulla sua gestione operativa, quindi, senza considerare gli interessi (gestione finanziaria), le imposte (gestione fiscale), il deprezzamento di beni e gli ammortamenti. E’ ovvio che per avere un Mark Up elevato è essenziale che il costo della produzione (ciò che viene venduto) sia il più basso possibile in modo da avere un GROSS MARGIN o 1° MARGINE più elevato. Per questo a nostro avviso l’area aziendale più importante in un ecommerce tanto se non di più di un’azienda tradizionale sono gli ACQUISTI perché ….. chi compra bene potrà vendere bene.

Un altro indice importante per capire l’efficienza nella gestione dei costi di Advertising online è il COST OF SALE (COS) che misura l’incidenza dei costi pubblicitari sul fatturato. Avere un basso Cost of sale significa essere molto efficienti nella gestione del budget pubblicitario e quindi, avere un basso costo d’acquisizione dei clienti.   Un altro acronimo per indicare l’efficienza nella gestione della pubblicità è il ROMI (Return on Marketing Investiment).

Terza variabile molto rilevante nel misurare un’ecommerce come qualsiasi azienda presente sul mercato è rappresentato dall’incidenza dei costi del personale. Un negozio online per essere in utile deve avere COSTI DEL PERSONALE inferiori al 40% del primo margine o Gross Margin.

VARIABILI DI MARKETING

Accanto alle variabili di BUSINESS ci sono gli indicatori di marketing che vanno analizzati sia rispetto alla variabile tempo che rispetto ai competitors. I principali elementi per valutare un ecommerce rispetto ai temi di Marketing sono.

  • Gamma Prodotti: più prodotti si vendono maggiori sono le pagine viste più si sviluppa traffico organico (non a pagamento).
  • Pricing: Essere competitivi sul prezzo rappresenta sempre la principale leva di marketing anche e soprattutto online. Servizio e Customer experience sono variabili importanti ma sul primo contatto e sulla prima vendita il prezzo è fondamentale.
  • Lead: generare nuovi contatti con relativi indirizzi email rappresenta un elemento sul quale fidelizzare i clienti con attività di email marketing e couponing soprattutto in business in cui c’è una forte ricorsività degli acquisti (Pet shop; Farmaci e parafarmaci, abbigliamento, ecc.).
  • Tasso di conversione ecommerce: è la percentuali di sessioni che hanno generato delle vendite. Più è alta questa percentuale più il sito è focalizzato sulla vendite.
  • Indicatori di traffico: Sessioni, Visitatori, frequenza di rimbalzo, tempo medio per sessione sono tutti indicatori che Google analytics o altri strumenti di analisi dei siti utilizzano per valutare dal punto di vista qualitativo e quantitativo il traffico presente su un ecommerce.
  • Percentuale dei carrelli abbandonati: il tasso di abbandono è un indicatore per valutare la customer experience di un cliente. Più è alta questa percentuale meno efficace è il processo di acquisto.

CONCLUSIONI

In definitiva non dobbiamo mai dimenticarci che un’ecommerce è un’azienda che deve produrre UTILI.  Per questo bisogna in primis tenere sotto controllo le variabili di bilancio attraverso un’attenta e puntuale analisi di contabilità industriale per, poi, approfondire le variabili di marketing.

L’ecommerce è fatto di una parte «e» (Digital) e una parte «commerce». ……. Senza la parte commerce fatta di prodotti e prezzo (sangue e sudore di chi acquista) il DIGITAL non può produrre risultati adeguati.

Se vuoi saperne di più contatta Massimiliano Masi (m.masi@e-development.it )


Recent Posts:

Comments are closed.